Chiunque di noi abbia un cane è periodicamente alle prese con il più comune problema dell’amico a quattro zampe: le pulci.

Le pulci sono microscopici parassiti che si annidano tra il pelo del nostro cane e possono arrivare a a deporre centinaia di uova in pochi giorni.

Si nutrono del sangue dell’ospite e hanno la capacità, pur non avendo ali, di saltare da un animale all’altro con estrema facilità.

Le pulci vivono dove ci sono spazi verdi quindi possono trovarsi sia in campagna che in città.

Se il nostro cane vive a stretto contatto con noi in casa è indispensabile essere particolarmente attenti, prevenire e risolvere al meglio il problema, anche perché le pulci possono infestare varie aree: tappeti, cuccia del cane, divano e moquette sono posti in cui questi parassiti riescono a vivere e riprodursi.

Come prevenire e trattare le pulci?

Prevenire è meglio che curare. Mai come in questo caso il proverbio si rivela azzeccato: i parassiti, infatti, non sono pericolosi solo per l’eventuale prurito, ma soprattutto per la possibilità di trasmissione di patologie.

Se non trattate con prodotti specifici e professionali, le pulci possono provocare problemi molto seri al cane: debilitazione, dermatite allergica, anemia, malattie batteriche come la bartonellosi oppure parassitosi intestinale.

Queste ultime due possono essere trasmesse anche all’uomo. Non è inoltre da sottovalutare l’aspetto legato all’alto tasso riproduttivo delle pulci: se l’animale non viene tempestivamente curato, i parassiti avranno una maggiore diffusione anche nell’ambiente domestico e continueranno a rappresentare un bacino di reinfestazione per il nostro cane.

Dunque, come prevenire le pulci e proteggere il nostro amico a quattro zampe? La prima e più importante operazione è quella di ispezionare quotidianamente l’animale.

Le zone a cui prestare maggiore attenzione sono il muso, il padiglione auricolare, le ascelle e, infine, l’addome.

Le pulci sono tra i parassiti più difficili da individuare: per questo è necessario osservare attentamente non solo il comportamento del cane (tendenza al grattamento) ma anche il manto.

In caso vengano notati dei piccoli puntini neri, è necessario accertarsi se, effettivamente, si tratti di feci di pulci: passandole su una pezza inumidita lasciano un alone rosso che rappresenta il sangue non digerito.

Tuttavia, il consiglio migliore è evitare che questo accada: prevenire le pulci è molto più semplice che trattarle.

In commercio ci sono degli ottimi antiparassitari che non solo proteggono il cane da pulci, zecche, zanzare e pappataci, ma anche l’ambiente in cui vive.

Proteggere l’animale con un trattamento Spot-On, quindi, tiene al sicuro non solo cane, ma anche tutta la famiglia.

Scopri queste interessanti soluzioni che garantiscono una protezione completa e davvero efficace.